Smaltire l'acido lattico con 7 rimedi naturali

smaltire l'acido lattico

Come smaltire l'acido lattico, il nemico numero 1 degli sportivi di endurance, potrebbe fare la differenza tra una competizione vinta o persa.

Su come smaltire l'acido lattico potrebbero essere scritti libri interi ma ricerche scientifiche molto recenti hanno dimostrato che offrire ai muscoli doloranti una maggiore disponibilità di ossido nitrico e ossigeno si riveli come la sola strategia utile a prevenire l’accumulo di acido lattico in polpacci e gambe.

smaltire l'acido lattico

 

L’acido lattico nei polpacci e nella gambe è uno dei principali nemici della performance, di qualunque sportivo. Quando senti che la punta di dolore sta arrivando, non hai alternative.

In termini biochimici, il tema è abbastanza semplice.

La muscolatura si nutre di ossigeno e glucosio che si trasformano in energia, acqua e anidride carbonica. All’aumentare della richiesta di potenza muscolare, i polmoni erogano maggiore ossigeno fino alla loro massima capacità. I globuli rossi (tramite l'emoglobina) consegnano l’ossigeno alle cellule, fino alla loro capacità massima di trasporto.


È però necessario sapere che senza ossido nitrico, l’ossigeno non può essere consegnato alle cellule e senza ossido nitrico si potrebbe rischiare una asfissia.

Quando lo sforzo muscolare necessita di ossigeno in volume superiore alla capacità dei polmoni di produrlo e dei globuli rossi di consegnarlo, il glucosio (ora privo di ossigeno) produce idrogeno, che a sua volta si lega all’acido piruvico (una degradazione del glucosio) creando acido lattico.

Che a questo punto deve essere smaltito velocemente.

Se l’organismo non riesce a eliminare l’idrogeno e l’acido lattico in eccesso, questo passa nel sangue creando tossine, dolore e fatica muscolare.


Smaltire l'acido lattico efficacemente non può prescindere da questi fattori fondamentali.

L’acido lattico è un indicatore della capacità di allenamento del corpo, che può essere continuamente gestito e spinto verso limiti sempre superiori.

Quando però il limite superiore viene raggiunto, i dolori alle gambe e ai polpacci si fanno sentire e si sente la necessità assoluta di eliminare il lattato in eccesso. 

Come smaltire l'acido lattico

Esistono 7 tecniche per smaltire l’acido lattico ma 1 soluzione naturale (a base di ossido nitrico) per prevenirlo!

1. La prima buona notizia è che l’organismo lo smaltisce da solo, in modo autonomo, in un periodo che va dai 5 ai 60 minuti (e la quantità si dimezza ogni 30 minuti);

2. La seconda buona notizia è che forma fisica e acido lattico sono legati in modo inversamente proporzionale. Quindi, maggiore l’allenamento, migliore lo smaltimento;


3. La terza è che esercizi di stretching distendono le fibre muscolari, accelerano il flusso sanguigno nei tessuti muscolari e facilitano l'eliminazione. Gli esercizi devono essere svolti correttamente, meglio se con una guida esperta, per evitare di peggiorare i sintomi;


4. La quarta sono i massaggi, fatti da fisioterapisti, apparecchi di elettro stimolazione muscolare o anche auto praticati: il calore generato induce a un rilassamento muscolare, che crea a uno smaltimento accelerato del lattato;


5. La quinta è il massaggio idroterapico (sauna e bagno turco): piacevole calore diffuso e rilassamento muscolare accelerano lo smaltimento;


6. La sesta è conseguenza della azione alcalinizzante del bicarbonato di sodio, senza superare la dose di 0,3g per 1 kg di peso (l’eccesso causa effetti gastrointestinali);


7. La settima ed ultima sono i sali minerali (come magnesio e potassio) che facilitano la trasmissione degli impulsi nervosi per contrastare spasmi e crampi, lasciando i vasi sanguigni aperti per l'eliminazione continua.


Il tema comune a questi 7 consigli è l’aumento della microcircolazione sanguigna, perchè questa rimuova velocemente il lattato in eccesso (causa del bruciore e della spiacevole sosta forzata).  

Una efficiente microcircolazione è chiave per smaltre correttamente l'acido lattico

 

Come prevenire la formazione di acido lattico in modo semplice e naturale aumentando la vasodilatazione e sfruttando i benefici della sovrapproduzione di ossido nitrico.

L’Ossido Nitrico, molecola per cui è stato riconosciuto un premio Nobel nel 1998 e che vanta oggi centinaia di migliaia di paper scientifici, ha un efficace effetto vasodilatatore sulla micro circolazione, capace di creare un vero e proprio “effetto lavatrice” sul sistema sanguigno coinvolto.

Questo incremento vasodilatatorio crea condizioni ideali perchè il lattato non si accumuli nel sangue e nella muscolatura e non debba quindi essere smaltito.

Se vuoi approfondire su come smaltire l'acido lattico, puoi leggere questo post nel nostro blog

Scopri i prodotti NOAcademy che accelerano la micro circolazione e aiutano a prevenire e smaltire l'acido lattico con massima naturalezza ed efficacia.

smaltire l'acido lattico

 

Leggi la testimonianza di Daniela, ultra runner, che ha ridotto in modo significativo il suo acido lattico utilizzando i prodotti bio funzionali NOAcademy.

smaltire l'acido lattico

 

Per un confronto internazionale, leggi questo approfondimento clinico di Medical News sul tema smaltire l'acido lattico nel modo più efficiente possibile.

 

 

smaltire l'acido lattico

 

 


Lascia un commento

I commenti devono essere approvati prima della pubblicazione.