Mal di schiena dorsale: come curarlo e prevenirlo, naturalmente

Mal di schiena dorsale: come curarlo e prevenirlo, naturalmente

Mal di schiena dorsale è un “disturbo moderno” e sempre più lamentato.

Pc, smartphone e schermi vari che ci costringono ad postura scorretta, alimentazione squilibrata e calzature non idonee: il mal di schiena dorsale è causato da pessime abitudini della nostra civiltà che sono deleterie per la salute della nostra colonna vertebrale e di tutti i muscoli della schiena.

 

https://www.noacademy.it/collections/prodotti/products/mal-di-schiena-donna

Le attività che quotidianamente svolgiamo e, soprattutto, il modo in cui le svolgiamo, sono alla base di problemi alla regione dorsale e lombare.

Il mal di schiena della zona dorsale non è di certo noto come il “collega” localizzato nella regione lombare; eppure, il dolore al dorso (o dorsalgia) è piuttosto fastidioso e, talvolta, un vero e proprio ostacolo ai movimenti anche più semplici.

Il problema interessa l’area posteriore della gabbia toracica, più  frequentemente la zona compresa tra le due scapole.

Le categorie che colpisce possono essere svariate, così come diverse sono le sue cause scatenanti. Amanti dello sport, sedentari incalliti, giovani, meno giovani, donne e uomini. Tra i fattori d’incidenza giocano un ruolo fondamentale i traumi e la postura, così come eventuali problemi di natura organica o patologie della colonna vertebrale.

La cura più adatta deve fare riferimento al singolo caso, dunque alla sede originaria del dolore dorsale, e alla più particolareggiata anamnesi del paziente.

È molto importante agire preventivamente per la salute della nostra schiena, in modo del tutto naturale e a partire dai gesti più semplici. In particolare, un abbigliamento a base di ossido nitrico può fungere da rimedio alternativo ai farmaci e da strumento preventivo e assolutamente non-invasivo.

Come si manifesta il mal di schiena dorsale?

Un dolore al centro della schiena in alto, precisamente nell’area della rachide dorsale o nella zona delle scapole, e che può estendersi fino ad interessare le costole e il petto o anche le spalle e le braccia. È in queste zone che si manifesta, tipicamente, il mal di schiena dorsale.

Esso può presentarsi anche sotto le “vesti” di bruciore, fitte, parestesie o disestesie, tensione o rigidità muscolare, con una durata inferiore ai 30 giorni nei casi migliori (dorsalgia acuta) o superiore ai tre-sei mesi quando la patologia si cronicizza.

All’origine ci sono molteplici cause e delineare il quadro clinico non è sempre facile. 

Un paziente che lamenta, per esempio, un dolore dorsale sinistro, potrebbe avere un problema allo stomaco connesso a stati di ansia/stress oppure ad altra patologia, ma al contempo potrebbe aver subito una frattura alla costola di quel lato del corpo. Una corretta diagnosi medica necessita di esami preliminari approfonditi, anche per escludere una situazione che possano far esplodere il dolore.

Sostanzialmente, le cause si possono suddividere in macro-categorie, che in questa sede risulta impossibile approfondire in modo dettagliato. Tuttavia, avere una quadro chiaro e sintetico di tutti i fattori di rischio potrebbe rivelarsi utile, come prima via indicativa, a chi soffre di mal di schiena nella zona dorsale.

Dolore dorsale cause organiche e muscolo-scheletriche

  1. Cause Organiche: problemi degli organi interni (cuore, polmoni, fegato, stomaco…).
  2. Cause Muscolo-scheletriche: problemi cervicali, problemi posturali (scoliosi, ipercifosi…), ernia del disco, osteoporosi.
  3. Malattie infiammatorie o virus: artrite reumatoide, polmonite, herpes zoster.
  4. Traumi generati da movimenti scorretti o sforzi eccessivi (per esempio durante la pratica sportiva, soprattutto se svolta senza adeguato riscaldamento).
  5. Cause psico-somatiche che vanno a creare tensione nel diaframma (ansia, stress, depressione).

Come individuare la causa primaria e gli eventuali fattori secondari? La prima azione da compiere in caso di mal di schiena dorsale è chiedere un parere al proprio medico di base il quale, durante la prima visita, raccoglierà tutti i dati utili al fine di decidere se proseguire con accertamenti più approfonditi
(analisi del sangue, radiografia, risonanza magnetica, ecografia, tac) e/o se rivolgersi ad uno specialista (ortopedico, reumatologo…).

Conseguentemente alla diagnosi finale, verrà indicata la strategia di cura più idonea. Va precisato, a riguardo, che non tutte le condizioni all'origine della dorsalgia possono essere curate in via definitiva; in caso di patologie di natura degenerativa e/o progressiva si punterà a tenerle sotto controllo e ad alleviarne i sintomi più “invadenti”.

Rimedi e approcci al mal di schiena dorsale

Quali sono i rimedi e i trattamenti generalmente presi in considerazione per la cura della sintomatologia dolorosa in questione?

Dato che la cura passa per la necessaria conoscenza della causa scatenante (non smetteremo mai di sottolinearlo!), indichiamo quelli che, tradizionalmente, risultano essere i rimedi più utilizzati per risolvere o alleviare il dolore nell’area dorsale.

  • Riposo funzionale (sempre consigliato);
  • assunzione di farmaci antinfiammatori e/o analgesici;
  • controllo della postura;
  • controllo del peso corporeo;
  • trattamento fisioterapico;
  • tecarterapia (per il recupero da traumi);
  • intervento chirurgico (nei casi più gravi).

 Questo un elenco generale degli approcci scientificamente validi, ciascuno dei quali può essere funzionale al trattamento di un caso specifico. In alcune situazioni, è necessario fare ricorso ad una strategia di cura che prenda in considerazione più terapie simultaneamente.

La cura dell’infiammazione dorsale inizia dalla prevenzione?

Sì, in molti casi il benessere della nostra schiena è garantito da un’adeguata prevenzione. Cosa significa? “Prevenire è meglio che curare” vuol dire che bisogna agire con prudenza, in modo da non arrivare al punto da dover ricorrere ai ripari, portando al limite una situazione infiammatoria cronica che può essere evitata.

Come agire, in concreto, per scongiurare il presentarsi del mal di schiena della zona dorsale? A volte il controllo della postura, del peso e l’allenamento del sistema muscolo-scheletrico non bastano. Fortunatamente esiste un aiuto naturale sotto forma di abbigliamento: l’ossido nitrico, molecola già a disposizione nel nostro corpo ma tendente a diminuire con l’avanzare dell’età.

Indossando delle particolare t shirt che incrementano la naturale produzione di ossido nitrico in tutta la zona interessata, non soltanto si riducono fatica e dolore ma al contempo si velocizzano i tempi di recupero rispetto all’infiammazione acuta e cronica.

T Shirt contro il mal di schiena

Per un approfondimento su tecniche innovative contro il dolore alla schiena, consigliamo questo articolo su PubMed. 


Lascia un commento

I commenti devono essere approvati prima della pubblicazione.