Male ai piedi degli chef (e dei camerieri)

male ai piedi cuochi e chef

Il male ai piedi è un problema molto frequente tra i professionisti che trascorrono tante ore in piedi ogni giorno. Lo sanno bene gli chef, ma anche cuochi, lavapiatti e camerieri.

In generale, tutte le figure che lavorano all’interno del mondo della ristorazione, devono fare i conti con dolori ai piedi frequenti, causati da un eccessivo sovraccarico.

Quando si trascorrono anche 12 ore in piedi, a spadellare, impiattare, servire, lavare, il tutto ad un ritmo spesso frenetico, i problemi ai piedi sono dietro l'angolo.

Anche se a fine giornata il cuoco o il cameriere si sente ancora "fresco", caricato dalla frenesia adrenalinica di un lavoro svolto con grande passione, lo stesso non si può dire dei suoi piedi!

Dopo tutto, non c’è scarpa comoda che tenga: l’affaticamento di tutti gli arti inferiori, ma soprattutto dei piedi, è inevitabile. Un sovraccarico che causa dolore, gonfiore e spesso anche cattivo odore conseguenza del sudore.

Fortunatamente, come supporto ulteriore alle calzature da lavoro e non, esistono delle solette che sfruttano una tecnologia innovativa e l’efficacia di una piccola ma potentissima molecola: l’ossido nitrico.

Un validissimo alleato che mantiene il piede riposato anche in situazioni di elevato stress e asciutto...una soluzione che eviterà spiacevoli "inconvenienti" a fine giornata lavorativa!

male ai piedi cuoco cameriere

Perché fanno male i piedi?

Quando avvertiamo un dolore intenso per un tempo prolungato, ci viene naturale chiederci il perché e andare alla ricerca di una soluzione… e per fortuna, perché molto spesso questo atteggiamento ci salva dal rischio di conseguenze più importanti.

Generalmente, però, si tende a sottovalutare il dolore ai piedi poiché esso non compare quasi mai in modo acuto e violento, ma fa il suo esordio progressivamente anche nel caso di cuochi e camerieri che lo sperimentano.

In realtà, prima di attendere, bisognerebbe agire rapidamente non appena il dolore (seppur lieve in fase iniziale) comincia a presentarsi con una certa frequenza per evitare una cronicizzazione del dolore.

Ciò vale, per esempio, quando si ha male alla pianta del piede dopo una lunga giornata di lavoro, dopo un allenamento o in seguito ad una passeggiata un po’ più lunga del solito.

Ma cosa significa se sei uno chef e ti fanno male i piedi?

Che tu sia uno chef o un cuoco che va avanti e indietro nella cucina senza tregua, spostandoti di poco ma comunque facendo costantemente carico sull'arto, o un cameriere che in sala fa chilometri, i problemi che vorrai risolvere ai piedi saranno sicuramente: dolore, sudore e cattivo odore.

Fastidi che possono compromettere una serena gestione della propria routine lavorativa, serenità come fattore che - come sanno bene queste figure - è alla base del buon rendimento in cucina e in sala e dunque della soddisfazione della clientela.

Soffermiamoci, in particolare, sul dolore che nelle ore finali sicuramente della giornata di lavoro si farà sicuramente sentire.

Il dolore alle piante dei piedi è un malessere molto comune tra noi esseri bipedi, con un tasso di incidenza che supera di gran lunga tante altre algie molto comuni (a chi non è mai capitato, chef o meno, almeno una volta, di sentire male al tallone o male sotto il piede?).

Il motivo principale di questo disturbo molto diffuso risiede nella funzione stessa del nostro arto inferiore, il quale ci accompagna per tutta la vita nella locomozione e in tante altre attività che lo mettono alla prova costantemente.

Il piede è, di fatti, una struttura complessa e forte che garantisce stabilità alla posizione eretta, ammortizza gran parte del peso del corpo e, grazie alla sua incredibile anatomia, ci permette di camminare, correre e saltare.

Come tutte le altre strutture del nostro corpo, però, va incontro ad usura, processo fisiologico che in alcune circostanze viene accelerato da abitudini scorrette, stile di vita e patologie connesse alla salute del piede.

Nel caso specifico di chef, cuochi e camerieri, il problema è il sovraccarico attivato in posizione eretta per lunghe ore, tutti i giorni.

 

Male ai piedi cause e tipologie

Il discoro appena fatto per il mal di piedi sofferto da chef, cuochi e altri operatori della ristorazione vale anche per i lavoratori appartenenti ad altri settori professionali che richiedono di stare in piedi per molte ore al giorno, spesso indossando calzature antinfortunistiche che non sono il massimo della comodità e del benessere per l’arto.

Per parlare correttamente delle cause del male ai piedi occorre prima fare una distinzione tra le due tipologie di dolore all’arto più diffuse. Generalmente, infatti, le patologie del piede più riscontrate si possono dividere in due grandi famiglie:

  1. quelle localizzate nell’avampiede, ovvero le cosiddette metatarsalgie;
  2. quelle del retropiede, note come talloniti o talalgie.

Male alla pianta del piede cause

La metatarsalgia è caratterizzata da un dolore localizzato alla regione plantare in corrispondenza di una o più teste metatarsali.

In fase cronica la patologia più impedire l’utilizzo di determinate calzature e la corretta deambulazione.

Può essere causata da un appoggio scorretto del piede, dall’abuso di scarpe non idonee oppure da familiarità.

Anche la fascite plantare può causare dolore alla pianta del piede (qui un approfondimento sulla sintomatologia: come capire che si tratta di infiammazione della fascia plantare).

Male al tallone cause

La tallonite è un disturbo che provoca forti dolori ai talloni e può essere causato anch’esso da alterazioni posturali o calzature scorrette, oppure da altri fattori quali:

  • malattie metaboliche (come la gotta);
  • malattie reumatiche;
  • obesità e sovrappeso;
  • tendinopatia inserzionale.

Il dolore al tallone si fa sentire con maggiore intensità durante il risveglio mattutino e dopo momenti di inattività prolungata (per esempio dopo essere stati seduti a lungo).

Con la ripresa del movimento, una volta "scaldata" la zona tallonare, si ha un notevole sollievo. 

Dolore ai piedi quando mi alzo dal letto: cosa significa?

Come abbiamo visto nel caso della tallonite, ma più in generale quando si ha un problema al piede, alzarsi dal letto dopo il riposo notturno può rappresentare una vera difficoltà.

Il dolore ai piedi al risveglio è infatti molto più frequente dei dolori ai piedi di notte, ciò perché nelle ore del riposo il nostro corpo in maniera inconscia blocca le articolazioni e quindi limita la possibilità di movimento improvviso e dunque di sentire male nell’arto.

Il momento cruciale è quello in cui poggiamo i piedi per terra la prima volta appena svegli: le strutture messe a riposo durante la notte verranno improvvisamente sollecitate e ciò causerà un dolore intenso.

Di fronte ad una difficoltà di questo tipo bisogna agire in fretta alla ricerca di una diagnosi laddove non sia ancora stata fatta e di una cura della problematica. Ciò è fondamentale affinché un disturbo acuto non diventi cronico e quindi più difficile da trattare.

Anche chi lavora del mondo della ristorazione (chef, cuochi, camerieri, lavapiatti ecc) non deve sottovalutare questo segnale importante, dando esclusivamente responsabilità alla stanchezza e/o ad un riposo inefficace.

Poiché se è vero che il sovraffaticamento è la causa principale, è anche vero d'altra parte che esso può essere origine di vere e proprie patologie a carico dell'arto.

Mal di piedi: gli esami da effettuare

Come detto in precedenza, il dolore ai piedi può essere vario e localizzarsi in zone diverse oppure espandersi dal tallone all’avampiedi come nel caso della fascite plantare che è un’infiammazione del legamento arcuato.

In ogni caso, che si soffra di dolori alla pianta del piede, male ai talloni o male ai tendini del piede, il consiglio principale è quello di rivolgersi ad uno specialista che sappia individuare l’origine del dolore.

Lo specialista inizierà la visita con l’anamnesi, volta a comprendere la situazione di salute generale e lo stile di vita del paziente. Dopodiché effettuerà un esame clinico e biomeccanico per comprendere anche manualmente e tramite l’analisi dell’andatura in quale area si concentra la sofferenza e quale potrebbe essere la causa.

Generalmente, gli step seguiti dal podologo sono i seguenti:

  • anamnesi;
  • esame del piede nudo ed esame con calzatura;
  • in un secondo momento: esame diagnostico non invasivo, come l’ecografia del piede che sfrutta gli ultrasuoni e che può essere effettuata su qualsiasi paziente poiché non richiede l’uso di radiazioni ionizzanti.

Si tratta di un esame ulteriore che rappresenta un importante complemento all’indagine clinica, in quanto fornisce immagini preziose relative alla fascia plantare, al piano muscolare sottostante, ma anche al derma e all’epidermide.

In aggiunta, e laddove sia possibile effettuarli, potrebbero essere altri richiesti esami diagnostici più approfonditi, come:

  • radiografia;
  • risonanza magnetica;
  • tac. 

Come sfiammare i nervi del piede e lenire il dolore?

In base al responso del podologo o di altro specialista in grado di diagnosticare i problemi del piede, si adotterà la corretta terapia per lenire il dolore e sconfiggere il problema.

Ovviamente di tipologie di mal di piede e di cause scatenanti ne esistono davvero tante, che in questa sede sarebbe impossibile trattare nel complesso. Pertanto elencheremo una serie di soluzioni generiche a seconda del grado di dolore percepito.

Per esempio, se il problema di uno chef/cuoco o di uno sportivo sono i nervi del piede infiammati, bisogna mettere in pratica una serie di azioni volte a sfiammare la zona interessata e ridurre l’algia.

In casi più lievi si possono adottare dei rimedi semplici, come:

  • applicazione di ghiaccio;
  • applicazione di creme a base di piante dal potere analgesico (come l’arnica);
  • esercizi di stretching per l’allungamento di muscoli e tendini e per il rilassamento dei nervi;
  • sedute di osteopatia o fisioterapia;
  • assunzione di farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) sotto forma di soluzioni topiche come gel a base di ibuprofene, o compresse da deglutire.

Quest’ultima alternativa sarebbe da limitare e da adottare sporadicamente, in quanto i farmaci tradizionali possono avere effetti collaterali nel lungo periodo.

Quando il dolore è severo e cronico ci sarà bisogno di terapie ad hoc più efficaci e adatti al singolo caso, per esempio:

  • ultrasuoni;
  • tecarterapia;
  • in casi importanti: intervento chirurgico.

Male ai piedi rimedi naturali: l’ossido nitrico

Una buona salute dei piedi è un fattore chiave strettamente correlato alla funzionalità fisiologica del sistema circolatorio venoso e linfatico di tutti gli arti inferiori.

Il loro benessere è dunque cruciale e, non smetteremo di affermarlo, imprescindibile quando il proprio obiettivo è lavorare con serenità, facendo uscire dalla cucina piatti prelibati e servendo il cliente con gentilezza e attenzione.

Infatti, le infiammazioni e i dolori ai piedi connessi a queste e/o ad altre patologie a carico dell’arto impattano fortemente sulla nostra vita personale, professionale o sportiva...talvolta anche mettendo fuori gioco la passione che guida tante attività.

In particolare le infiammazioni (principalmente fasciti, tendiniti,  talloniti, sindrome del tunnel tarsale o della spina calcaneare) nascono da eccessivi o anomali carichi di fatica prolungati nel tempo, a volte associati all’uso di calzature non idonee per lo sforzo (ad esempio, scarpe da lavoro non adeguate o scarpe sportive non corrette).

Le terapie classiche per la riduzione di queste infiammazioni prevedono i trattamenti visti poco fa, tra i quali farmaci FANS e infiltrazioni di corticosteroidi.

È possibile, tuttavia, in modo completamente naturale ed in associazione con le terapie consigliate dal professionista di fiducia, ridurre infiammazioni e dolori ai piedi utilizzando strategie che favoriscono la naturale produzione localizzata di Ossido Nitrico direttamente nell’endotelio.

L’Ossido Nitrico è una molecola preziosa che aiuta il corpo a funzionare in efficienza e salute: promuove una naturale vasodilatazione, aumenta proporzionalmente la circolazione sanguigna e le sostanze nutritive in essa contenute, aumenta l’efficienza del rilascio dell’ossigeno, rimuove le sostanze nocive ed algogene, riducendo in modo sostanziale e veloce la sintomatologia infiammatoria.

Grazie a questa molecola potentissima è dunque possibile continuare a cucinare, servire e svolgere qualsiasi altra attività senza dover rinunciare al piacere di farlo, senza venir meno alla passione che guida tantissimi professionisti, come appunto chef, camerieri e altre figure centrali della ristorazione.

Tutto ciò indossando una soletta bio-funzionale, come ha fatto Andrea. Leggi qui sotto la sua testimonianza.

La testimonianza di Andrea

Classe 1977, Andrea è chef, cuoco e pasticcere, ma la cucina non è la sua unica passione (seppur la più grande). Ama anche fare lunghe camminate e quest’attività, insieme a tutto il resto, con il tempo è andata ad aggravare ulteriormente quella sensazione di piedi doloranti sotto la pianta che può rovinare una tranquilla giornata di lavoro.

Come ha risolto? Di certo non rinunciando alle sue attività preferite, ma affrontando il male ai piedi in modo definitivo e con grande soddisfazione, grazie ad un paio di solette NOAcademy.

male ai piedi

 

All’inizio era scettico, credendo si trattasse dei soliti strumenti “meccanici”, utili esclusivamente ad ammortizzare l’urto e rendere la camminata più confortevole. 

Fortunatamente non si è lasciato coinvolgere dai pregiudizi: leggendone la descrizione ha capito che il meccanismo fotochimico alla base della loro efficacia potesse fare al suo caso.

Così le ha acquistate, le ha provate e il risultato è stato immediato: il rilassamento e l’allungamento della muscolatura degli arti inferiori gli hanno regalato un beneficio veloce.

Dopo averle indossate per un paio di giorni, il male ai piedi si era notevolmente ridotto.

“Con le mie nuove solette nelle scarpe, le giornate non avevano più fine. Avevo il piede più asciutto, idratato, dolori ai piedi scomparsi e sentivo le gambe leggere”. 

Andrea ha iniziato a consigliare le solette a chi ne avesse necessità: colleghi cuochi, baristi, commesse, operai e sportivi, tutti con il medesimo problema di mal di piedi al lavoro che rendeva le loro giornate difficili e pesanti.

 

Mal di piedi e rimedi della nonna in formula moderna: un paio di solette per mal di piedi bio-funzionali con efficacia fotochimica

male ai piedi cuoco cameriere

Se sei uno chef, un cuoco, un cameriere o altra figura professionale che soffre di male ai piedi, entra nel nostro shop online e scopri le nostre solette!

Dolori ai piedi cosa fare: si consiglia la lettura di questo interessante articolo di Starbene

Come risolvere una fascite plantare senza antidolorifico per mal di piedi: puoi leggere questo articolo nel nostro blog

Se vuoi capire le cause del mal di schiena e ridurre il dolore con capo di abbigliamento bio funzionale, leggi questo articolo nel nostro blog

Fascite plantare e soluzioni naturali all'infiammazione della fascia: leggi questo articolo nel nostro blog

3 azioni per prevenire la cellulite in modo semplice e naturale: leggi questo articolo ne nostro blog

Ritenzione idrica: come prevenire e curare naturalmente con un capo di abbigliamento bio funzionale

Crampi ai polpacci e come risolverli naturalmente

Cosa significa quando fanno male i piedi? Leggi questo articolo per approfondire

Gambe senza riposo e una straordinaria soluzione naturale