Dolore ai polpacci nel basket: Alessia racconta.

dolore al polpaccio

Dolore ai polpacci nel basket: Alessia racconta come li affronta.

Le cause sono probabilmente dovute a un sovraccarico funzionale sulle gambe con conseguente forte dolore ai polpacci che Alessia cura e risolve con un paio di tubolari NOAPP. Chiunque volesse, la trova su Instagram come @ale_ssiagiunta.

 

D: Come si racconta e chi è davvero Alessia? 

 

R: Sono una ragazza di 27 anni, mi sono laureata ormai quasi due anni fa in Giurisprudenza e sono al termine della pratica notarile. Il percorso di studi che ho scelto però non è esattamente in linea con le mie caratteristiche personali: mi sento, e mi dicono che sono, particolarmente vivace e dinamica (anche se io preferisco definirmi “agitata”). Gli studi però mi sono serviti tantissimo a trovare concentrazione e a focalizzarmi sui miei obiettivi. 

Alessia e i dolori a polpacci e ginocchia

D: Sei una atleta del basket: come hai scoperto e coltivato questa passione? 

R: Gioco a pallacanestro da più di 20 anni, ho cominciato in prima elementare e non c’è stato un momento nella mia vita in cui io abbia smesso (tranne che per infortuni, purtroppo). Sono stata all’estero per 8 mesi (Spagna) e ho giocato nell’Università spagnola dove ho potuto poi partecipare ad un bellissimo torneo a Siviglia di tre giorni. Ho anche allenato i bambini (5-6 anni e 10-11 anni) per circa 4 anni: un’esperienza stupenda che vorrei riprendere in futuro ma che oggi mal si concilia con i miei impegni. 

D: Quali sono stati i tuoi risultati sportivi più gratificanti, le vittorie che ti piace ricordare e che ti sono state di stimolo a continuare? 

R: Ho tantissimi ricordi, in 20 anni ne ho collezionati davvero tantissimi. A partire dalle azzurrine quando ero più piccolina, a tutti i tornei e le finali in giro per l’Italia. Sono riuscita a conquistare ben 2 premi come “miglior giocatrice” alle finali regionali lombarde e conservo tutto di quei momenti. 

Ho giocato serie C e B e in ciascuna di queste ho potuto imparare tanto sia per quanto riguarda la vita dentro al campo che quella fuori. Sicuramente i tanti allenatori in cui mi sono imbattuta, in un modo o nell’altro, mi hanno dato lo stimolo, la voglia o la “rabbia” per non smettere mai. 

Ho anche la passione per il calcio e per qualunque sport in cui io mi possa cimentare!

dolori ai polpacci
D: Ci puoi raccontare la tua delusione sportiva più scottante e come la hai superata? 
.
R: Purtroppo qualche anno fa ho dovuto lasciare a metà anno la squadra per dissidi con l’allenatore, non potevo più rimanere. Cerco di basare lo sport sulla voglia di giocare, fare e vincere ma soprattutto sulla lealtà e l’onestà: se mancano questi requisiti io ci sto stretta.
Ho preso e me ne sono andata, raccontarlo ora e in poche righe mi fa capire che è una cosa superata...ma purtroppo non rende l’idea delle difficoltà che ho incontrato e dovuto superare in quel momento. Non è stata una decisione semplice ma alla fine è giusto così, si fa tesoro di tutto e si va avanti! 
.
D: Il basket è uno sport di squadra a elevata intensità. Credo che alla fine di una partita tu abbia consumato tutta la tua energia! Come prepari i tuoi allenamenti per continuare a migliorarti? 
.
R: Mi piace molto correre e se fossimo nel calcio credo che il mio ruolo sarebbe quello dell’ala con propensione offensiva. Cerco sempre di tenere allenato il fiato che credo sia importante anche per non perdere la concentrazione e la lucidità in campo. Altra cosa importante è sicuramente esercitarsi sugli schemi di squadra cercando il più possibile di avere una visione ampia in modo tale da sapere sempre cosa fare in campo. 
.

D: Quali i disturbi e i fastidi che più spesso ti trovi a dover fronteggiare come atleta e quali sono i rimedi che solitamente utilizzi? Quale è la muscolatura più sollecitata e che subisce le maggiori tensioni e infiammazioni? Il dolore ai polpacci è un problema vero per te?

R: La pallacanestro è uno sport che comporta tanti sforzi fisici e mal di polpacci.

Saltare, atterrare di continuo sicuramente provoca dei traumi che a lungo andare possono portare a delle forti infiammazioni o addirittura a delle rotture.

I tendini di Achille e i dolori ai polpacci sono forse la mia parte più debole insieme alla zona lombare.

Spesso post partita e quindi dopo aver corso e saltato tanto, provo un male fortissimo alle gambe ed ai polpacci, sia destro che sinistro, che spesso si protraggono per giorni. 

Se vuoi approfondire patologie e traumi specifici della pallacanestro, con particolare attenzione alle infiammazioni e dolori a polpacci e gambe, puoi trovare maggiori informazioni a questo link

dolori ai polpacci nel basket
D: Come gestisci normalmente i tuoi recuperi nuscolari? 
.
R: Cerco di fare tanto stretching, con il tempo ho imparato a renderlo una cosa fondamentale pre e post allenamento/partita e non solo.
Allungamenti di ogni tipo: schiena, collo, braccia e caviglie cercando di trovare un po' di continuità per non perdere i miglioramenti.
Spesso post movimento tengo acqua fredda sulle gambe e sui polpacci doloranti per cercare di disinfiammare.
.
D: Da qualche tempo hai introdotto nella tua routine di allenamento, performance e recupero i tubolari NOAPP. Cosa hai pensato la prima volta che li hai presi in mano? 
.
R: La prima volta che li ho indossati credevo fossero semplicemente degli scaldamuscoli. Li ho indossati, per altro, ad inizio allenamento e mi sono sentita bene e senza dolori a fine partita. L’allenamento successivo non li ho indossati e i dolori al polpaccio sono ritornati. 
.
D: Dopo averli usati con continuità, quali benefici hai sentito? In cosa ti sono stati più di sollievo? 
.
R: Dopo il beneficio iniziale, ho deciso di provare a indossare i tubolari una/due ore prima dell’allenamento: devo dire che mi sono trovata bene.
Purtroppo, visto il momento difficile (siamo durante l’emergenza Covid), li ho indossati poco, non più di 4/5 allenamenti. In ogni modo, ho sempre sentito movimenti più leggeri durante e minore fatica e dolore a fine delle partite.
.
I benefici al mio dolore al polpaccio sono stati sempre sensibili e costanti. Inoltre, il fatto che aderiscano bene alle gambe (io li uso dal polpaccio fin sopra al ginocchio), e che si adeguino al calore corporeo tenendolo costante, li rende un ottimo aiuto per chi come me fa questo tipo di sport.   
Se vuoi approfondire come la tecnologia NOAPP aiuti ed acceleri la continua ricostruzione cellulare durante la partita, diminuendo i dolori, puoi approfondire a questo link  
D: Li consiglieresti a amiche e sportive? 
.
R: Sì, certamente si! A chiunque. Contro i forti dolori ai polpacci sono straordinari
.
D: Alessia, cosa farai da grande?
.
R: "Sono in fase di valutazione, o meglio di ricerca di qualcosa che effettivamente mi faccia sentire al mio posto. Per il momento sto lavorando in uno studio notarile, ma spero di poter entrare in qualche bella azienda nel settore Legal possibilmente.
.
Non escludo che, se un giorno ci sarà la possibilità, possa aprirmi un bell’agriturismo dove poter organizzare feste e pranzi in mezzo alla natura e magari con un bel campo da basket! " 
.

Se vuoi scoprire i tubolari usati da Alessia per i suoi allenamenti, visita il nostro e-commerce

dolori ai polpacci
.
Per approfondire il tema del dolore ai polpacci nello sport e nel basket, trovi un interessante approfondimento a questo articolo "Calf Strain Injury" (Infortuni e polpacci doloranti)