La riparazione cellulare del muscolo è promossa dall'Ossido Nitrico

Rigenerazione cellulare del muscolo scheletrico nello sportivo

Chi pratica in maniera continuativa un’attività sportiva, di qualsiasi tipo, sa che le sensazioni dolorose di fatica estrema ed infiammazione sono un’esperienza molto frequente per il solo fatto di mettere la propria muscolatura di fronte ad un utilizzo massimale o submassimale.

La ricerca continua del “Personal Best”, soprattutto tra gli appassionati, ha un legame intimo con mialgie a volte troppo lunghe da recuperare.

Quelle che vengono comunemente chiamate lesioni o infiammazioni, o più semplicemente fatica muscolare - e per cui è necessario a volte fermare completamente i “motori” - sono delle vere e proprie microlacerazioni del tessuto muscolare scheletrico.

Le microlacerazioni sul tessuto muscolare non solo influiscono dolorosamente ma soprattutto inibiscono una attività atletica successiva, al regime di intensità desiderato.

Continuare l’attività sportiva in presenza di lesioni non può che peggiorare il quadro clinico.

Conseguentemente gli sportivi sono interessati ad attivare efficaci strategie terapeutiche per il recupero e la riabilitazione.

Per approfondire in dettaglio i dolori nello sport, puoi trovare utile questo link: Che cos’è l’infiammazione muscolare, come e perché accade >
 

Strategie di recupero basate su protocolli verificati scientificamente portano a risultati.

Uno dei protocolli più efficaci utilizza l’Ossido Nitrico localizzato come riparatore cellulare e agente antibatterico.

 
L’Ossido Nitrico (NO) è una molecola gassosa dalla brevissima vita (3 secondi) con una fondamentale funzione di vasodilatatore, individuata nel 1987 e che ha valso un premio Nobel al Prof. L. Ignarro.

A partire dal 1995, una serie di nuove ricerche hanno dimostrato il ruolo fondamentale dell'Ossido Nitrico nella fisiologia del muscolo scheletrico.

Ancora più recentemente, è stato dimostrato come questa molecola sia un fondamentale regolatore anche in diversi stadi della miogenesi, ossia della formazione dei tessuti muscolari.

Benché l’argomento sia estremamente complesso, ne sintetizziamo i temi fondamentali lasciando ogni approfondimento attraverso gli autori citati in bibliografia.

Il muscolo scheletrico ha la vitale capacità di rigenerarsi continuamente dopo il danneggiamento, di qualunque origine esso sia. Questa capacità rigenerativa è conseguente all’entrata in attività di pre cellule, o cellule precursori della biogenetica, denominate stem cells o cellule satelliti (SC), localizzate sotto la lamina basale delle miofibre.

Le cellule satelliti (SC) vengono attivate dall’Ossido Nitrico immediatamente e conseguentemente al danno muscolare contribuendo significativamente alla sua riparazione.

L’attivazione generata dall’Ossido Nitrico stimola immediatamente il processo di proliferazione, attivazione e differenziazione di queste cellule per la riparazione del danno.

Terminata l’azione riparatrice, le SC entrano in stato di quiescenza con fortissime capacità di continuo rinnovamento ed immediata disponibilità per supportare successivi danneggiamenti. Questo avviene quando, durante lo sforzo, le micro lesioni vengono immediatamente risolte salvo riformarsi a breve distanza di tempo per uno sforzo superiore alla preparazione.

 
 
 
 

L’attivazione delle cellule satelliti per la riparazione muscolare da parte dell’Ossido Nitrico è confermata e scientificamente verificata, tanto da aver aperto nuovi protocolli di studio (attualmente in corso) per valutarne l’applicazione nella cura di patologie di distrofia muscolare, ad oggi con difficili e rare soluzioni. Nella distrofia muscolare, la muscolatura è continuamente soggetta ad azioni ripetitive di danneggiamento.

Ulteriori studi sul ruolo dell’Ossido Nitrico nella riparazione cellulare hanno evidenziato come la sua presenza influisca sull’attività mitocondriale, a livello di biogenesi e respirazione.

I mitocondri, anche definiti centraline di energia delle cellule e create dalla natura ca. 1,5 miliardi di anni fa, sono fondamentali nel controllo dello sviluppo e nel ruolo finale delle cellule satelliti.

Per approfondire: Il potere nascosto dei Mitocondri >

 
 

Studi recenti hanno inoltre dimostrato come una produzione sostenuta di Ossido Nitrico possa dotare i macrofagi M1 ed M2 (cioè le cellule responsabili di identificare, inghiottire e distruggere gli agenti patogeni) di ulteriore funzione citostatica e citotossica (per bloccare o limitare la riproduzione cellulare).

Queste cellule a loro volta producono Ossido Nitrico, bilanciandone la disponibilità tra le sottospecie M1 e M2 e creando un’efficace attività di difesa contro virus, batteri, funghi, protozoi e cellule tumorali.

Per approfondire: La funzione dei Macrofagi >

 

Le congiunte attività di riparazione cellulare e antibatterica, promosse e collegate dall’Ossido Nitrico, hanno dimostrato una straordinaria efficacia per la ricostruzione delle lesioni del muscolo scheletrico.

 
 

OSSIDO NITRICO: RICADUTE DELLA RICERCA A VANTAGGIO DELLO SPORTIVO

Come aumentare la produzione di Ossido Nitrico per favorire la rigenerazione dei tessuti muscolari



Per gli sportivi, avere a disposizione più Ossido Nitrico significa migliorare significativamente i processi metabolici intracellulari (maggiore disponibilità di energia) grazie alla capacità di questa molecola di favorire l’afflusso di sangue ai muscoli ed il conseguente rilascio di Ossigeno nell’organismo.

Grazie al ruolo nella fisiologia ed ai benefici portati da questa molecola, avere muscoli più irrorati e ossigenati aiuta gli atleti a lavorare meglio, favorendo il recupero e la performance.

In un’ottica di performance sportiva, avere a disposizione più Ossido Nitrico significa:

  • migliore capacità di riparare e cicatrizzare i tessuti

  • migliore apporto di nutrienti a livello cellulare

  • migliore efficienza e resistenza muscolare

  • veloce smaltimento dell'acido lattico

  • minore danno muscolare durante la contrazione

  • migliore attivazione del rilassamento dei muscoli lisci.
     

È possibile favorire in modo naturale e non invasivo la produzione di Ossido Nitrico in modo localizzato, dove serve di più.

Chi fa sport può indossare specifici capi di abbigliamento bio-funzionale che, attraverso un meccanismo fotochimico fisiologico, inducono l’organismo ad autoprodurre una maggiore quantità di Ossido Nitrico (+89%) migliorando la micro-circolazione del sangue (+88%) e l’irrorazione dei tessuti muscolari.

Per approfondire: Come funziona l’abbigliamento bio-funzionale che stimola la produzione di ossido nitrico >

 
 
 

Scarica gratuitamente il protocollo per applicare questa strategia al recupero della fatica muscolare degli arti inferiori con l’abbigliamento bio-funzionale raccomandato NOacademy

 
 
Benefici-abbigliamento-invel-per-allenamento-funzionale-in-palestra.jpg

Preparare i muscoli a lavorare meglio

Ossido Nitrico e abbigliamento bio-funzionale sono tuoi grandissimi alleati

 
invel-skyrunning-header.jpg

Ridurre fatica muscolare e dolore

Ossido Nitrico e abbigliamento bio-funzionale sono tuoi validissimi alleati

 

Testimonianze di sportivi che utilizzano capi bio-funzionali che stimolano la produzione di Ossido Nitrico:

 
 
 

Bibliografia:

Palmer RM, Ferrige AG, Moncada S (1987) Nitric oxide release accounts for the biological activity of endothelium-derived relaxing factor. Nature 327(6122):524–526 2.

Furchgott RF, Zawadzki JV (1980) The obligatory role of endothelial cells in the relaxation of arterial smooth muscle by acetylcholine. Nature 288(5789):373–376 3.

Alderton WK, Cooper CE, Knowles RG (2001) Nitric oxide synthases: structure, function and inhibition. Biochem J 357(Pt 3):593–615 4.

Moncada S, Palmer RM, Higgs EA (1991) Nitric oxide: physiology, pathophysiology, and pharmacology. Pharmacol Rev 43 (2):109–142 5.

Kapur S, Bedard S, Marcotte B, Cote CH, Marette A (1997) Expression of nitric oxide synthase in skeletal muscle: a novel role for nitric oxide as a modulator of insulin action. Diabetes 46 (11): 1691–1700 6.

Rubinstein I, Abassi Z, Coleman R, Milman F, Winaver J, Better OS (1998) Involvement of nitric oxide system in experimental muscle crush injury. J Clin Invest 101(6):1325–1333 7.

Balon TW, Nadler JL (1997) Evidence that nitric oxide increases glucose transport in skeletal muscle. J Appl Physiol 82(1):359– 363 8.

Tews DS, Goebel HH (1998) Cell death and oxidative damage in inflammatory myopathies. Clin Immunol Immunopathol 87 (3):240–247 9.

Kone BC, Kuncewicz T, Zhang W, Yu ZY (2003) Pro Tedesco FS, Dellavalle A, Diaz-Manera J, Messina G, Cossu G (2010) Repairing skeletal muscle: regenerative potential of skeletal muscle stem cells. J Clin Invest 120(1):11–19 47.

Relaix F, Marcelle C (2009) Muscle stem cells. Curr Opin Cell Biol 21(6):748–753 48.

Zammit PS, Partridge TA, Yablonka-Reuveni Z (2006) The skeletal muscle satellite cell: the stem cell that came in from the cold. J Histochem Cytochem 54(11):1177–1191

Church JE, Gehrig SM, Chee A, Naim T, Trieu J, McConell GK, Lynch GS (2011) Early functional muscle regeneration after myotoxic injury in mice is unaffected by nNOS absence. Am J Physiol Regul Integr Comp Physiol 301(5):R1358–R1366 98.

Bredt DS (1998) NO skeletal muscle derived relaxing factor in Duchenne muscular dystrophy. Proc Natl Acad Sci U S A 95 (25):14592–14593

Adams M.R. Jessup W. Hailstones D. Celermajer D.S. (1997) l-arginine reduces human monocyte adhesion to vascular endothelium and endothelial expression of cell adhesion molecules. Circulation 95: 662–668.

Google ScholarCrossrefPubMed Albina J.E. Reichner J.S. (1995) Nitric oxide in inflammation and immunity. New Hori 3: 46–64.

Appleton I. Tomlinson A. Willoughby D.A. (1996) Induction of cyclo-oxygenase and nitric oxide synthase in inflammation. Adv Pharmacol 35: 27–78.

Google ScholarCrossrefPubMed Barnes P.J. (1995a) Nitric oxide and airway disease. Ann Med 27: 389–393.

J. Anderson, A Role for Nitric Oxide in Muscle Repair: Nitric Oxide–mediated Activation of Muscle Satellite Cells, MOL Bio Cell, 2000.

P. Podkalicka et al., Targeting angiogenesis in Duchenne muscular dystrophy, MOL Bio Cell, 2000.

Li. Filippin, AJ Moreira et al., Nitric oxide and repair of skeletal muscle injury, 2009.

A. ZEMBROŃ-ŁACNY, The role of nitric oxide in skeletal muscle regeneration, Trends is sport science, 2013.

NOAcademy